Articolo in 2 minuti – Il Sole, in tutte le tradizioni filosofiche e religiose, è sempre stato considerato la divinità della salute e della lunga vita capace di sostenerci e alimentarci.

“Surya Namaskara”, è una particolare tecnica dello yoga, utilizzata per salutare e ringraziare quotidianamente il Sole; una pratica che si compone di posizioni e tecniche di respirazione particolari, capaci di conferire al nostro corpo dei notevoli benefici specifici.

 


 

In estate la luce ci accompagna per gran parte della giornata. Il sole è al pieno del suo fulgore e più che mai avvertiamo l’importanza dell’energia che esso trasmette. Anche inconsapevolmente, lo ringraziamo a ogni respiro.

Il Sole, in tutte le tradizioni filosofiche e religiose, è sempre stato visto e adorato come la più grande fonte di energia, considerato la divinità della salute e della lunga vita che ci sostiene e ci alimenta.  In India, nell’età vedica, i saggi adoravano il Dio Sole il mattino, il mezzogiorno e la sera per propiziarsi la sua energia.

Nello yoga c’è un modo per ringraziarlo e salutarlo ogni giorno: Surya Namaskara, che in sanscrito significa “Saluto al Sole”, è la sequenza di asana (posizioni) e pranayama (regolazione del respiro), più conosciuto nello hatha yoga.

Leggi: Giornata internazionale dello yoga

Surya Namaskara è una pratica completa da eseguire possibilmente la mattina, al sorgere del sole, dopo il bagno e prima di aver fatto colazione. Oppure la sera, per rigenerarsi dopo una giornata di lavoro. Si tratta di una pratica completa, in quanto include asana (posizioni del corpo), pranayama (gestione del respiro), mudra (gesti simbolici del corpo, soprattutto delle mani), mantra (suoni vocalici sacri) e tecniche di rilassamento.

La sequenza delle posizioni è dinamica, esse si susseguono infatti l’una all’altra, accompagnate da un ritmo respiratorio controllato e appropriato. Questa pratica permette di mantenere l’equilibrio di tutti i sistemi del corpo armonizzandoli con la mente e lo spirito. In questo modo, la flessibilità e i benefici che si ottengono nel fisico si ottengono anche a vantaggio della mente. Si acquisiscono consapevolezza e armonia con se stessi e il proprio ambiente.

Surya Namaskara è praticabile a ogni età e offre numerosi benefici. I suoi dodici passi includono esercizi di allungamento, piegamenti, torsioni ed esercizi respiratori. Grazie a questa tecnica si riscaldano i muscoli e si tonificano le articolazioni per prepararli alle successive asana. Gli organi interni vengono massaggiati, si rinforzano nervi e muscoli che vengono liberati da nodi e tensioni.

La pratica regolare permette inoltre la perdita di peso e l’acquisizione di una migliore tonicità. La respirazione ritmica e profonda aumenta l’afflusso di sangue al cervello e quindi la chiarezza mentale. L’umore migliora apportando calma, inoltre il livello di attenzione e concentrazione si accresce.

Vediamo ora le dodici asana e i benefici in dettaglio, seguendo uno alla volta i movimenti inclusi nella sequenza del Saluto al Sole.

1) Pranama Asana o posizione della preghiera – In piedi, inspirate ed espirando portate le mani giunte al petto in posizione di preghiera, centrate il corpo. Benefici: produce uno stato di calma e di concentrazione.

2) Hasta-uthana asana o posizione delle braccia alzate – Inspirando portate le braccia oltre la testa. La schiena è piegata ad arco indietro. Benefici: potenzia i muscoli delle braccia e delle spalle, tonifica i nervi spinali, allarga i polmoni, stimola gli organi addominali migliorando la digestione .

3) Pada-astasana o posizione delle mani verso i piedi – Espirando piegatevi in avanti, poggiando le mani sul pavimento ai lati dei piedi, con le dita sulla stessa linea di quelle dei piedi, la testa va verso le ginocchia. Benefici: apporta flessibilità alla spina dorsale, previene i problemi allo stomaco e all’addome, migliora la digestione e allevia la costipazione.

4) Asva-sancalana asana o posizione equestre – Inspirando portate la gamba destra indietro poggiando il ginocchio destro sul pavimento. Sollevate la testa in alto. Benefici: bilancia il sistema nervoso, stimola gli organi addominali, rinforza i muscoli delle gambe.

5) Santolana asana o posizione di bilanciamento – Espirando portate la gamba sinistra indietro. L’intero corpo è adesso sulla stessa linea, dalla testa ai piedi. Benefici: rinforza i nervi e i muscoli delle braccia e delle gambe.

6) Astanga Namaskara o saluto delle otto parti – Inspirate ed espirate, poggiate le ginocchia sul pavimento, poi il torace che deve collocarsi tra le mani e infine portate il mento a terra. Benefici: rinforza i muscoli delle braccia e delle gambe, il torace, l’addome, la spina dorsale.

7) Bhujanga asana o posizione del cobra – Inspirando allungate il dorso dei piedi e fate scivolare il corpo a terra. Sollevate il torace incurvandolo indietro, le gambe e i glutei sono poggiate sul pavimento. Benefici: dona flessibilità alla spina dorsale, migliora la circolazione,  tonifica i nervi, dà sollievo al ciclo mestruale e allieva il mal di schiena e le tensioni.

8) Parvata asana o posizione della montagna – Espirando sollevate glutei e gambe portando la testa tra le braccia e i talloni sul pavimento. La fronte è verso le ginocchia. Benefici: rinforza i muscoli e i nervi delle braccia e delle gambe, migliora la circolazione e stimola l’addome.

9) Asva-sancalana asana o  posizione equestre – Inspirando portate il piede destro in avanti tra le mani. Le dita dei piedi e delle mani devono trovarsi sulla stessa linea. Poggiate il ginocchio sinistro sul pavimento e sollevate la testa verso l’alto. Benefici: bilancia il sistema nervoso, stimola gli organi addominali, rinforza i muscoli delle gambe.

10) Pada astasana o posizione delle mani verso i piedi – Espirando portate la gamba sinistra verso la gamba destra, mantenete i glutei in alto e portate la fronte verso le ginocchia. Benefici: rende flessibile la spina dorsale, previene i disturbi legati allo stomaco e all’addome, migliora la digestione e dà sollievo alla costipazione.

11) Hasta-uthana asana o posizione delle braccia sollevate – Inspirando distendetevi, allungando le braccia sopra la testa. La schiena è piegata ad arco indietro. Benefici: potenzia i muscoli delle braccia e delle spalle, tonifica i nervi spinali, allarga i polmoni, stimola gli organi addominali migliorando la digestione.

12) Dandasana o posizione in piedi – Espirando riportate le braccia lungo i fianchi e rilassatevi. Benefici: incrementa la stabilità mentale e rilassa corpo e mente.

Questi dodici passi rappresentano mezzo giro di Surya Namaskara. Ripetere al 4° punto con la gamba sinistra.



Immagine tratta da: http://fractalenlightenment.com