Vi piacerebbe andare a Calcutta per un periodo di volontariato presso le suore di Madre Teresa? Dovete leggere questo libro.

L’autrice, dopo alcuni viaggi in India, ha deciso di fermarsi a Calcutta per passare del tempo presso le strutture delle Missionarie della Carità come volontaria. “Gli angeli di Calcutta” è il suo diario.


Paola Pedrini parte dall’Italia da sola per andare a svolgere un periodo di volontariato presso le suore di Madre Teresa.

La seguiamo nelle sue giornate, fra la sistemazione da trovare, gli incontri con altri volontari, il lavoro quotidiano con le “sisters” accanto alle donne che vengono assistite.

L’aspetto che forse colpisce di più di questo libro è, come il titolo suggerisce, che si concentri soprattutto sui volontari, gli “angeli di Calcutta”. Ci sono persone da tutto il mondo, ognuna con motivazioni molto diverse ed esperienze alle spalle di ogni tipo, a volte anche dolorose.

“C’è chi agisce in nome di Dio, chi dopo aver subito un trauma, c’è chi lo fa in nome dell’amore e della compassione, c’è chi lo fa per lavoro”.

Paola Pedrini però si ferma sempre un attimo prima di entrare nell’intimità più personale dei volontari, perché bisogna rispettare le scelte di ognuno. E anche perché, alla fine, quello che conta è quello che si fa, ogni giorno: essere lì a medicare ferite infette, a curare un volto sfigurato dall’acido, a lavare le lenzuola.

“E’ così importante saper il perché si decida di donare amore, il perché si abbia voglia di aiutare gli altri, il perché si destini la propria vita agli altri? L’importante non è semplicemente fare?”

Nel racconto della sua esperienza, l’autrice ci regala anche alcuni scorci sull’India e su Calcutta.

Ci racconta dei guidatori di risciò, della dea Kali, di Bollywood, delle poesie di Tagore, dalla vita lungo i ghat (le scalinate che scendono al fiume), delle baraccopoli e anche di alcune gite in visita alla città.

Fare volontariato è anche rendersi conto di tutto il mondo che sta attorno alla realtà delle suore, conoscere le dinamiche economiche, sociali e familiari dell’India, visto che molti degli assistiti dai volontari sono vittime di un sistema che colpevolizza le donne, i fuori casta e i poveri.

Il tutto senza retorica e senza concedersi troppe riflessioni sul senso di tutto ciò, non perché un senso non ci sia, ma perché ognuno deve trovare il suo.


Consigliato a chi vuole svolgere un’attività di volontariato in India, ma anche a chi si interroga se valga la pena far qualcosa per gli altri.


Paola Pedrini è giornalista e vive a Piacenza. Ha scritto anche La mia India. Pensieri in viaggio.


Paola Pedrini, Gli angeli di Calcutta, Polaris 2012

128 pagg., 13,00 €

Per approfondire, leggi anche la nostra sezione sul volontariato