Articolo in 2 minuti – Ganesh, il dio con la testa d’elefante, è una delle divinità più venerate in India, soprattutto per la sua capacità di rimuovere gli ostacoli.

Questa caratteristica è legata al culto dell’elefante diffuso sin da tempi antichissimi.

L’elefante è simbolo di forza, autorità e saggezza.

Ganesh ha anche un particolare legame con le donne, legato al mito della sua nascita.

Nato dalla volontà della dea Parvati senza l’intervento del consorte Shiva, simboleggia la dimensione privata di una donna, che non si può violare contro la sua volontà.

Un altro simbolo è il topolino che viene spesso rappresentato ai suoi piedi. Il topo simboleggia il nostro ego: piccolo ma capace di far danni, e che dobbiamo imparare a domare.

Articolo originale pubblicato sul blog dell’autore Mille Orienti, disponibile a questo indirizzo.


Per approfondire – Ha una testa d’elefante su un corpo umano, una pancia morbidamente grassa, accetta volentieri cibo e fiori dai suoi devoti e come cavalcatura – lui che piccolo non è – utilizza un topolino, spesso ritratto ai suoi piedi.

In India è uno delle divinità più amate e venerate, a cui sono dedicati templi e grandi feste di massa.

La sua immagine ormai ci è famigliare anche in Occidente: la ritroviamo spesso nei quadretti appesi nei centri di meditazione e di yoga.

Quello che non sappiamo è che dietro quell’immagine placida si cela una foresta di simboli, di miti e di significati psicologici.

Il dio dalla testa di elefante è venerato dagli induisti anzitutto per una ragione: nei testi sacri indù è considerato colui che rimuove gli ostacoli.

Quando una persona deve gettarsi in una nuova impresa, dare avvio a qualcosa di importante – la costruzione della propria casa, un lungo viaggio, l’assunzione in un posto di lavoro –  è a Ganesh che chiede protezione e aiuto per superare le difficoltà sul proprio cammino.

Secondo gli antropologi questa credenza deriva da un culto dell’elefante diffuso nelle campagne indiane sin da tempi antichissimi.

Infatti l’elefante è dotato di una forza straordinaria: è capace per esempio di spostare con la proboscide un pesante tronco d’albero caduto sulla strada. Proprio come l’elefante noi dovremmo imparare ad andare dove vogliamo rimuovendo gli ostacoli davanti a noi.

Per gli indù l’elefante è simbolo anche di autorità e di saggezza. Non a caso i sovrani e i guru del passato si presentavano davanti ai sudditi o ai fedeli in groppa a questo bellissimo animale.

Ma la figura di Ganesh nasconde anche ben altro. Per esempio il suo legame con le donne, legato al mito della sua nascita.

La dea Parvati desiderava un figlio ma il suo compagno, il dio Shiva, non voleva saperne. Parvati decise allora di generarlo da sola: il bambino nacque da una grande risata della dea o – secondo un’altra versione del mito – dal sudore della sua pelle.

Il figlio di Parvati (nato d’aspetto umano) era molto forte, perciò la dea gli diede un ordine: tu proteggerai le mie stanze private e impedirai a chiunque di entrare mentre io faccio il bagno.

Purtroppo però arrivò Shiva, ignaro di tutto, e cercò di entrare nelle stanze della moglie. Il ragazzo, obbedendo alla madre, gli sbarrò la strada e Shiva, furibondo, gli tagliò la testa di netto.

Indignata, la Dea pretese che Shiva mandasse sulla Terra tutti gli esseri celesti (i gana) a recuperare una testa da riattaccare al corpo di suo figlio per riportarlo in vita. I gana tornarono portando una testa di elefante: perciò da allora il figlio di Parvati ha quell’aspetto e viene chiamato Ganesh o Ganapati che significa “Signore degli esseri celesti”.

Quale lettura psicologica si può fare di questo mito? Ganesh è il protettore delle “stanze private” di sua madre: nato dalla libera scelta di una donna (Parvati genera il figlio da sola) Ganesh simboleggia la difesa dell’intimità della Dea (cioè delle donne) di fronte all’intrusione di Shiva (cioè degli uomini).

Vale a dire: non si può violare la dimensione privata di una donna contro la sua volontà. Logico quindi che il “protettore” Ganesh sia caro alle induiste, che a volte lo pregano in modi davvero sorprendenti.

Un esempio: quando non hanno a disposizione una qualunque immagine del dio le donne lo “materializzano” facendo una piccola piramide di semi di curcuma e invocano la sua presenza sotto quella forma. Perché proprio la curcuma? È uno dei segreti del culto di Ganesh che nessuno ha ancora saputo spiegare.

Ganesh viene spesso rappresentato con un topolino ai suoi piedi. Talvolta il dio-elefante è addirittura “a cavallo” del topolino.

Il topo – piccolo ma capace di fare danni – simboleggia il nostro ego: la nostra vanità, i desideri e i sentimenti più meschini che rodono il nostro animo. Come Ganesh, però, noi dobbiamo imparare a “cavalcare” il nostro ego: a tenere le redini delle nostre emozioni, anziché farci dominare da esse.

Talvolta il topolino viene raffigurato con dei dolcetti fra le zampe: è il nostro ego che cerca di sedurci. Ma Ganesh lo controlla, come noi dobbiamo controllare la mente e i desideri. Cioè cavalcare il nostro “topolino interiore”.

Per saperne di più sul festival dedicato al dio-elefante, leggi: Ganesh Chaturthi Festival a Mumbai

 

Ganesh


Immagini tratte dall’articolo originale.